Come una VPN gratis puo’ proteggere i vostri dati nell’era dell’AI

L’intelligenza artificiale è entrata nelle nostre vite e le ha cambiate. Utilizziamo l’intelligenza artificiale nel lavoro, nella casa e nell’intrattenimento. L’intelligenza artificiale può creare molti vantaggi, come una migliore assistenza sanitaria, trasporti più sicuri e puliti, una produzione più efficiente e un’energia più economica e sostenibile. Allo stesso tempo, sono sorte molte domande sulla privacy dei dati.

È importante notare che una VPN gratis può salvaguardare le vostre informazioni personali. Una VPN cripta il traffico Internet e protegge la vostra identità online. Ciò è particolarmente importante quando si utilizzano le app d’intelligenza artificiale su reti Wi-Fi pubbliche, poiché queste connessioni sono meno sicure. Una VPN gratuita nasconde il vostro indirizzo IP e vi consente di navigare in Internet in modo anonimo, indirizzando il vostro traffico attraverso server sicuri. Inoltre, una VPN stabilisce un tunnel sicuro tra il dispositivo e il fornitore di servizi d’intelligenza artificiale durante l’utilizzo di applicazioni d’intelligenza artificiale che richiedono l’accesso ha dati personali, garantendo che i dati siano crittografati e sicuri anche durante la trasmissione. Installate quindi una VPN su tutti i dispositivi che utilizzate quotidianamente.

 

L’ascesa dell’IA

L’intelligenza artificiale è cresciuta in modo impressionante e si prevede che il mercato dell’AI raggiungerà i 407 miliardi di dollari entro il 2027, secondo Forbes. Nel 2021, l’8% delle imprese dell’UE utilizzerà tecnologie d’intelligenza artificiale.

Secondo i dati di Forbes Advisor 2023, il 97% dei proprietari di aziende ritiene che la ChatGPT porterà benefici alle loro imprese. Le applicazioni basate sull’IA possono elaborare enormi volumi di dati, dando alle aziende la possibilità di ottenere informazioni utili e prendere decisioni sagge.

Tuttavia, questo rapido aumento dell’adozione dell’IA solleva anche dubbi sulla privacy dei dati. Poiché l’IA si basa su vasti insiemi di dati per l’addestramento e l’inferenza, la raccolta, l’archiviazione e l’analisi delle informazioni personali diventano un punto critico.

Questioni di privacy dei dati

  1. Accessi non autorizzati, violazioni e raccolta di dati invasivi.

Grazie alla tecnologia AI vengono continuamente raccolti, salvati ed esaminati enormi volumi di dati personali. I dispositivi edge abilitati all’IA, tra cui fotocamere e altoparlanti intelligenti, raccolgono spesso dati senza l’esplicito consenso dei consumatori. Questi dispositivi sono sempre in ascolto e in registrazione, il che aumenta il rischio di raccogliere informazioni private e di violare la privacy. Esiste un grave rischio per la privacy personale derivante da potenziali violazioni dei dati e da accessi illegali. Ad esempio, una debolezza in un’applicazione guidata dall’intelligenza artificiale ha portato alla compromissione di 100 milioni di record di clienti in una violazione dei dati avvenuta presso Capital One nel 2019.

2. Mancanza di trasparenza.

Gli algoritmi d’IA spesso funzionano come scatole nere, rendendo difficile la comprensione del funzionamento interno e del processo decisionale. Questa mancanza di trasparenza può sollevare preoccupazioni su pregiudizi, discriminazioni e decisioni ingiuste, con un impatto sulla privacy degli individui e il potenziale perpetuarsi di disuguaglianze sociali. Gli algoritmi d’intelligenza artificiale possono inavvertitamente rafforzare i pregiudizi della società, influenzando le decisioni di assunzione, l’approvazione di prestiti e altre aree critiche della vita, perpetuando le disuguaglianze.

3. Previsione d’informazioni sensibili.

Grazie alle analisi basate sull’intelligenza artificiale, le aziende possono prevedere informazioni sensibili come l’affiliazione politica, l’orientamento sessuale o le condizioni di salute mentale. L’uso non autorizzato di tali informazioni private può avere gravi conseguenze per gli individui e la fiducia della società.

4. Aggregazione dei dati tra domini.

I sistemi d’intelligenza artificiale spesso si basano su dati provenienti da diverse fonti e domini per migliorare le loro prestazioni e la loro precisione. Se da un lato l’aggregazione dei dati può fornire informazioni preziose, dall’altro espone a rischi per la privacy. Le informazioni sensibili di un dominio possono essere inavvertitamente collegate a un altro, compromettendo la privacy individuale e sollevando preoccupazioni sulla proprietà dei dati e sul consenso.

È importante trovare un equilibrio tra le opportunità offerte dall’IA e la conservazione dei dati personali.

Modi per migliorare la privacy dei dati nell’era moderna dell’intelligenza artificiale

L’implementazione di strategie e soluzioni solide è fondamentale per affrontare le sfide della protezione dei dati nel mondo dell’IA di oggi. Ecco alcune misure per migliorare la privacy dei dati che dovrebbero essere adottate dagli sviluppatori d’IA:

1.  Minimizzazione dei dati.  Si devono raccogliere solo le informazioni necessarie. Per le applicazioni d’intelligenza artificiale, ciò significa raccogliere i dati essenziali per lo scopo previsto e niente di più.

2. Privacy by design. La privacy dovrebbe essere integrata nello sviluppo dei sistemi d’IA fin dall’inizio. I quadri di riferimento per la privacy by design, come quelli delineati dall’Internazionale Associati on Privacy Professionale, promuovono l’inserimento di considerazioni sulla privacy in tutti i livelli dell’architettura dei sistemi d’IA.

3. Tecniche di crittografia. Utilizzate tecniche di crittografia robuste per salvaguardare i dati in tutte le fasi. La crittografia garantisce che, anche se i dati vengono intercettati, le parti non autorizzate non possano leggerli.

4. Una solida governance dei dati. Le organizzazioni devono stabilire quadri completi di governance dei dati. Ciò include politiche forti di protezione dei dati, pratiche di consenso informato e metodi di crittografia per salvaguardare i dati sensibili durante il loro ciclo di vita. Anche la conformità a normative come il Regolamento generale sulla protezione dei dati (GDPR) può migliorare la privacy dei dati nel panorama dell’IA.

5. Trasparenza: Gli sviluppatori dovrebbero concentrarsi sulla creazione di modelli d’IA che forniscano un chiaro ragionamento dietro le loro decisioni. Metodi d’IA spiegabili, come gli algoritmi di apprendimento automatico interpretabili, possono aiutare a garantire la responsabilità e a mitigare i pregiudizi nei processi decisionali.

Tuttavia, tutti i punti sopra citati potrebbero rispondere ai problemi di privacy e aumentare il livello di fiducia nell’IA, ma sembra che in un mercato altamente competitivo nessuno punti ad aprire gli algoritmi decisionali e a ridurre al minimo la raccolta dei dati. In queste condizioni, è essenziale dare agli individui la possibilità di proteggere la propria privacy.

https://unsplash.com/photos/two-women-facing-security-camera-above-mounted-on-structure-fPxOowbR6ls

Ecco alcuni punti aggiuntivi che ogni persona può adottare per salvaguardare i dati personali:

1)          Rafforzate le password e l’autenticazione a due fattori. Create password forti per ogni vostro account online. È uno dei modi più semplici ed efficaci per migliorare la privacy dei dati. Mescolate caratteri, cifre e simboli; rendetele impossibili da dedurre. Inoltre, attivate l’autenticazione a due fattori ogni volta che è possibile.

2)          VPN. Iniziate installando una VPN su ogni dispositivo, compresi smartphone e tablet. Vi aiuterà a mantenere la privacy online criptando i vostri dati e nascondendo il vostro indirizzo IP.

3)          Mantenere aggiornati software e applicazioni. Mantenete aggiornati i vostri dispositivi e le vostre applicazioni. Gli aggiornamenti del software spesso includono patch di sicurezza che risolvono le vulnerabilità, aiutando a proteggere i vostri dati da potenziali minacce.

4)          Siate cauti nella condivisione d’informazioni personali. Pensateci due volte prima di condividere informazioni personali online. I vostri social network sono una miniera d’oro per chi raccoglie dati. Vi suggeriamo di rivedere le vostre impostazioni sulla privacy e di ridurre la quantità d’informazioni che condividete con il pubblico.

5)          Leggere l’informativa sulla privacy. È semplice: è necessario leggere l’informativa sulla privacy prima di spuntare la casella Accetto. Potreste rimanere sorpresi dalla quantità d’informazioni raccolte dalle vostre applicazioni, soprattutto dai social media.

Adottando queste misure proattive, le persone possono rafforzare in modo significativo la loro privacy dei dati in un mondo guidato dall’intelligenza artificiale. È difficile ma non impossibile mantenere il controllo sulle proprie informazioni personali. Posso davvero godere dei vantaggi dell’era digitale con fiducia.

Insieme alle opportunità si presenteranno nuove sfide. Possiamo superare queste sfide solo con l’impegno congiunto di aziende, governi e individui. Non possiamo ignorare la privacy dei dati, anche se i vantaggi dell’IA sono innegabili. Facendo attenzione alla raccolta dei dati, utilizzando la crittografia e prendendo decisioni informate sulla tecnologia che utilizziamo, possiamo navigare nel panorama dell’IA con fiducia.

Continua la lettura su: http://www.robertosconocchini.it/intelligenza-artificiale/8629-come-una-vpn-gratis-puo-proteggere-i-vostri-dati-nellera-dellai.html Autore del post: Maestro Roberto Fonte: https://www.robertosconocchini.it/

Articoli Correlati

Emergenza Coronavirus COVID-19: notizie e provvedimenti

Ordinanza del 2 giugno 2021 Ulteriori misure urgenti in materia di contenimento e gestione dell’emergenza epidemiologica da COVID-19. 

Ordinanza 29 maggio 2021 Ai fini del contenimento della diffusione del virus Sars-Cov-2, le attività economiche e sociali devono svolgersi nel rispetto delle “Linee guida per la ripresa delle attività economiche e sociali”, elaborate dalla Conferenza delle Regioni e delle Provincie autonome, come definitivamente integrate e approvate dal Comitato tecnico scientifico, che costituiscono parte integrante della presente ordinanza

Ordinanza 21 maggio 2021 Protocollo condiviso di aggiornamento delle misure per il contrasto e il contenimento della diffusione del virus SARS-Cov-2/COVID-19 negli ambienti di lavoro.

Ordinanza 21 maggio 2021 Linee guida per la gestione in sicurezza di attivita’ educative non formali e informali, e ricreative, volte al benessere dei minori durante l’emergenza COVID-19.

Ordinanza 21 maggio 2021 Ulteriori misure urgenti in materia di contenimento e gestione dell’emergenza epidemiologica da COVID-19.

Vuoi rimanere aggiornato sulle nuove tecnologie per la Didattica e ricevere suggerimenti per attività da fare in classe?

Sei un docente?

soloscuola.it la prima piattaforma
No Profit gestita dai

Volontari Per la Didattica
per il mondo della Scuola. 

 

Tutti i servizi sono gratuiti. 

Associazione di Volontariato Koinokalo Aps

Ente del Terzo Settore iscritta dal 2014
Tutte le attività sono finanziate con il 5X1000